BIOGRAFIA

Nato a Vittoria (RG), Francesco Spampinato ha studiato musicologia all’università di Bologna (DAMS - Musica), dove ha conseguito la laurea a pieni voti nel 2001 con una tesi in Semiotica della musica (relatore Prof. Gino Stefani). Ha poi ottenuto il DEA (Diplôme d'études approfondies) e il Dottorato di ricerca  in musicologia all’Università di Aix-en-Provence, in Francia, nel 2006 sotto la direzione scientifica del prof. Bernard Vecchione. Titolo della tesi: Debussy et l’imaginaire de la matière. Métaphorisation et corporéité dans l’expérience musicale. Nel 2008 ha conseguito il Master in "MusicArTerapia nella Globalità dei Linguaggi" all'Università di Roma 2 Tor Vergata. Nel 2011 ha vinto il concorso pubblico per l'ottenimento del titolo di Professeur Agrégé di Italiano.

Dal 2002 al 2010 ha insegnato Semiotica della musica e Psicologia della musica all’Università di Aix-en-Provence in qualità di docente a contratto; dal 2004 al 2006 ha insegnato anche Filosofia della musica e Storia della musica in qualità di docente/ricercatore a tempo determinato (ATER).

Fra il 2007 e il 2010 ha insegnato Storia della musica nei Conservatori di Parma, Reggio Emilia e Trento, e Psicologia della musica nei Conservatori di Monopoli e Cesena. Compositore di musica elettronica per la radio e la televisione. Dal 2010 al 2011 è stato direttore del coro della Scuola "Sainte Catherine de Sienne" di Aix-en-Provence.

Dal 2007 al 2011 è membro dell'Institut d'Esthétique, d'Arts et Technologie (IDEAT), UMR n°8153 CNRS/Sorbonne (dir. Costin Miereanu). E’ intervenuto a convegni internazionali a Roma, Bologna, Parigi, Aix-en-Provence, San Marino, Montréal e Helsinki. Collabora al progetto “Scienze del Linguaggio Musicale” come membro del comitato scientifico e organizzativo dei convegni SLM2 (Saint-Rémy-de-Provence, 2004), SLM3 (Bologna, 2006) e SLM4 (Trento, 2008). Dal 2012 collabora con il Geneva Emotion Music Lab (GEM) della Haute Ecole de Musique e Università di Ginevra.

Dal 2001 pubblica saggi di argomento musicologico su riviste specializzate e volumi collettivi. Nel giugno 2008 ha pubblicato  il libro Les Métamorphoses du son. Matérialité imaginative de l’écoute musicale, edito dall'Harmattan, Parigi, con prefazione di Gino Stefani. Nel novembre 2008 è stato pubblicato dall'editore LIM il volume L'ascolto musicale: condotte, pratiche, grammatiche, che Francesco Spampinato ha curato insieme a Luca Marconi e Daniele Barbieri; nel gennaio 2009 LIM ha pubblicato anche il volume Il Nuovo in musica. Estetiche tecnologie linguaggi, curato insieme a Rossana Dalmonte. Nell'ottobre 2009 ha curato insieme a Dario Martinelli il volume La coscienza di Gino. Esperienza musicale e arte di vivere (studi in onore di Gino Stefani in occasione dei suoi 80 anni), Helsinki, UMWEB. Nel gennaio 2011 ha pubblicato il volume Debussy, poète des eaux. Métaphorisation et corporéité dans l’expérience musicale, prefazione del prof. Bernard Vecchione, edito dall'Harmattan, Parigi. Nel 2013 ha curato con Grazia Giacco e Jean Vion-Dury un volume collettivo su musica e memoria,  Jeux de mémoire(s): regards croisés sur la musique (Parigi, L'Harmattan, 2013). A giugno 2015 è pubblicata la sua nuova monografia: Les incarnations du son. Les métaphores du geste dans l'écoute musicale (Parigi, L'Harmattan).

HOME